Rome Deguergue

Dopo essere cresciuta nel territorio della Saar, vissuto l'adolescenza in Aquitania, e peregrinato per vent'anni in Europa, Arabia, Iran e Stati Uniti, è tornata in Aquitania, per dedicarsi alla scrittura in lingua francese, alla traduzione, alla critica letteraria e alla creazione di Atelier all’Aria Aperta – Campi di geo-poesia, rivolti ai giovanissimi, dalla scuola primaria all'università, e a migranti giovani e maturi, insegnando loro la lingua francese, sia in Francia che al di fuori dei confini dell'Esagono, attraverso l'Europa, e incoraggiandoli a «imparare a leggere le linee della terra», a vedere il reale, così com'è, a coltivare una visione aperta multidimensionale, a utilizzare parole migratorie privilegiando una apertura transdisciplinare per assicurarsi (come girovaghi della terra). La sua scrittura dinamica ha ricevuto numerosi riconoscimenti. È stata tradotta in 15 lingue e studiata a scuola, nei licei e in molte università europee, nelle quali è oggetto di lavori di ricerca.