ISBN: 978-88-9355-003-1

I fèfe e u mire. Fave e vino nella cultura popolare di Noci

 5,00

Fasano, Gabriele, Gigante, Laera, I fèfe e u mire, con illustrazioni di Antonio De Grazia, italiano-dialetto, 2016

Solo 2 pezzi disponibili

Confronta

Descrizione

Il libro

In Fave e vino nella cultura popolare di Noci troverete diverse poesie sul vino attinte dalla letteratura greca e latina e tradotte nel musicale dialetto di Noci. Accanto agli eleganti versi di un Asclepiade o di un Ovidio, risuoneranno anche le poesie popolari di Pietro Gigante, che si cimenta nella pratica antica del brindisi fino a farne, con le sue argute rime baciate, una carezza sulla guancia del lettore.
La fava, invece, sarà cantata da Mario Gabriele, in una delle poesie più belle – di sicuro la più potente – della letteratura dialettale di Noci. Nei versi brevi, agili e nervosi, di A fèfe le parole sono sottili, lunghissimi chiodi picchiati dal martello di un ritmo incalzante, ossessivo. Queste parole, conficcate nella carne viva delle strofe, in un primo momento ci faranno anche ridere. Il riso, però, sarà presto raggiunto da qualche lacrima, omaggio commosso che il futuro fa al passato povero e dignitoso di chi veniva etichettato come muérte de fème.

L’associazione

Il Centro Studi sui Dialetti Apulo-Baresi nasce nel 2014 con l’intento di riscoprire, valorizzare e studiare il patrimonio linguistico dell’area adulo-barese, che comprende la città metropolitana di Bari, la provincia di Barletta-Andria-Trani e diversi centri del Mediterraneo, dal Tarantino al Brindisino. L’associazione intende studiare la lingua non come un semplice rosario di parole, ma come il mondo rappresentato da quelle parole.

Per questa ragione si propone di declinare scientificamente tutti gli aspetti legati al dialetto, non solo quello linguistico. Il dialetto − una volta liberato da pregiudizi e luoghi comuni − si rivela per quel che è: una miniera di cultura, leggende, tradizioni popolari, rimedi scientifici, canti, racconti e poesie. Ridare un senso a questo mondo significa farsi comunità.

Informazioni aggiuntive

Peso0.15 kg
Dimensioni12 × 18.5 cm
Carta interna

Usomano avoriata 120 gr

Carta copertina

Martellata avoriata 300 gr

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I fèfe e u mire. Fave e vino nella cultura popolare di Noci”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *