ISBN: 978-88-96688-15-5

Innanzitutto figli. Nascere, sposarsi, generare

 12,50

Giulio Meiattini, Innanzitutto figli. Nascere, sposarsi, generare, Edizioni La Scala, Alberobello 2015, 228 pp.

Confronta

Descrizione

Il libro

Una riflessione sulle figure fondamentali della vita familiare (sposi, genitori, figli), al punto di convergenza fra antropologia e teologia e in una prospettiva originale: dal primato e dalla centralità dell’essere figli si può comprendere e motivare anche la dimensione sponsale e genitoriale. Innanzitutto si è figli, lo si rimane sempre, lo si diventa sempre di più. Figli di figli, per essere genitori di genitori, vivendo il matrimonio come mediazione intergenerazionale anche nella trasmissione della fede.

Dalla prefazione:

Questo libro propone alcune riflessioni su temi legati alla famiglia, pur non essendo un libro sulla famiglia. Ciò su cui si porta l’attenzione è piuttosto il rapporto fra le figure parentali familiari fondamentali (essere figli, sposi, genitori), figure e ruoli la cui identità oggi è divenuta quanto mai difficile da cogliere e recepire, a motivo delle radicali mutazioni sociali e di mentalità che sono sotto gli occhi di tutti.

Ci domandiamo, in altri termini, che rapporto ci possa essere fra l’essere figli, sposi, genitori. E la risposta, che fa da filo conduttore di queste pagine, è che tra le figure parentali menzionate, quella del figlio gode di una originarietà e radicalità tali che anche i ruoli di sposo e genitore non fuoriescono mai dall’orizzonte della filialità, ma piuttosto la sviluppano e la confermano, in certi casi la sfigurano e la sviliscono, in ogni caso mai la trascendono. Questo vuol dire che, pur accedendo a tappe e ruoli di- 8 versi, nel corso della vita, figli lo si resta sempre, dall’inizio alla fine. Lo stesso non si può dire, nel medesimo senso e in eguale misura, del ruolo e del compito di coniuge e di genitore.

Perciò, è dalla prospettiva dell’esperienza filiale che ho cercato di rivisitare anche l’aspetto della sponsalità e dell’essere genitori, cercando di gettare una nuova luce su queste due realtà, in quanto modulazioni e approfondimenti della filialità originaria. Su questi presupposti ritengo sia possibile anche conferire maggiore consistenza e stabilità alla famiglia.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Innanzitutto figli. Nascere, sposarsi, generare”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *