ISBN: 978-88-9355-138-0

Storia di Lula. Amore e speranza in un lager

 12,00

Fulvia Fiorino Dotoli, Storia di Lula. Amore e speranza in un lager, Editrice AGA, Alberobello 2019, 116 pp.

Confronta

Descrizione

Il libro

Una sera, sull’imbrunire, Lula nota un giovane poco più che ventenne, di aspetto bello e attraente, che è oltre il filo spinato, a pochi metri da lei. Sente che parla con un commilitone, secondo lei in italiano, e rimane ad ascoltare. Luciano avverte il suo sguardo su di lui, e di slancio si avvicina al limite del campo.

Quel filo spinato, che si innalza quale limite invalicabile tra uomini e donne travagliati e angariati, comincia quindi a intessere una rete di complicità e fiducia, a intrecciare trame e cospirazioni contro aguzzini sordi a ogni lamento. I tuberi cotti nelle stufe dalle giovani donne vengono passati furtivamente oltre la rete, oltre quello spazio imprecisato che, come tra due trincee avverse, potremmo denominare ‘terra di nessuno’. Questi tuberi servono al contempo da messaggio di speranza e di fede in un futuro migliore.

Contro quel filo spinato, in prossimità di quella vaga ‘terra di nessuno’, Lula incontra colui che diventerà il suo compagno di vita: il bel giovanotto proveniente da Canosa di Puglia, dai capelli ondulati e ravviati all’indietro, sopracciglia folte, sguardo dolce, e piglio deciso da meridionale.

L’autrice

Fulvia Fiorino Dotoli è nata a Martina Franca. Docente ordinaria di lingua francese nella Scuola Secondaria Superiore, e poi di Linguistica francese alle università di Lecce e Bari, ha pubblicato dieci volumi di testi dei Viaggiatori Francesi in Puglia, dal Medio Evo a oggi. Ha anche svolto ricerche sui linguisti Dominique Bouhourse Émile Littré, la lingua della letteratura odeporica e il cinema di Luchino Visconti.

È autrice di libri sulla Puglia, sul culto di San Nicola a Bari e in Lorena, sulla cucina pugliese e di una monografia sulla città di Conversano.

Coltiva la passione del giardinaggio e del ricamo di tradizione, sul cui tema ha organizzato alcune mostre.

La testimone

Mariella Cristalli Cardone è nata a Praga. Come donna d’affari, moglie e madre, ama definirsi impegnata nel lavoro e presa dalla famiglia. Dalla passione primaria per il lavoro – con il marito Alfredo –, discendono gli affetti familiari e amicali. Le sue linee guida sono una grande generosità, un forte entusiasmo e una dose di ottimismo, coniugati consenso pratico e capacità di risolvere i problemi.

Mariella è sempre stata molto legata alla madre Lula. Dopo la sua scomparsa, ha sempre desiderato conservarne la memoria ed esternare la storia e le origini greche, quale straordinario messaggio per il nostro tempo. Ciò si è realizzato narrando a Fulvia Fiorino Dotoli la vita difficile e avventurosa dei suoi genitori, che si erano incontrati in un campo di lavoro. Ha così potuto raccontare esperienze uniche supportate da inesauribile forza d’animo.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni14 × 21 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Storia di Lula. Amore e speranza in un lager”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *